Tutti gli –ing della mia professione

Il fotoritocco (vi parlavo già di fotoritocco qui) è solo l’inizio. Oggi, nell’ambito della fotografia digitale si parla molto spesso di compositing, processing, retouching, photo manipulation, digital art… ma cosa si intende? Quali sono le analogie e le differenze tra questi termini?

Per quanto concerne il fotoritocco digitale, nel tempo si sono delineate due realtà complementari della stessa disciplina: il fotoritocco creativo e il fotoritocco tecnico. In ambito creativo, per photo o image manipulation si intende l’applicazione delle tecniche di editing per creare immagini illusorie, ma coerentemente strutturate. Nella manipolazione rientrano le tecniche di compositing, digital imaging o fotomontaggio, ossia l’integrare nell’immagine elementi da fonti diverse in maniera coerente rispettando le fonti luminose, cromia e prospettiva. Ne è un esempio l’immagine “Alieno” che ho creato combinando una quindicina di fotografie diverse tra loro, rispettando la cromia della pelle e l’uniformità dell’illuminazione del soggetto.
alieno workflow firmato
Laddove nella composizione prevalgono le competenze artistiche e le tecniche di disegno digitale, si rientra nell’ambito più ampio di digital art più che di fotografia. Questo insieme di tecniche è utilizzato per realizzare quelle immagini particolarmente complesse, se non addirittura impossibili, da ambientare in location reali. La tecnica utilizzata per costruire ad hoc scenografie impossibili o paesaggi fantastici, consiste in un insieme di compositing e digital art ed è chiamata matte painting, ossia pittura di sfondi.

Il fotoritocco tecnico è adatto per miglioramenti e restauri fotografici e comprende l’aggiustamento dei colori, il bilanciamento del bianco, la rimozione di imperfezioni o di elementi di disturbopresenti nell’immagine e l’aumento della nitidezza percepita. Il fotoritocco professionale più raffinato è chiamato high-end retouching e comporta la lavorazione sui singoli pixel dell’immagine. Ad esempio, è particolarmente usato nelle fotografie pubblicitarie e commerciali per il ritocco della pelle al fine di modificare e/o ricostruire, anche del tutto, i singoli pori in modo uniforme.

Voi che termini avete usato finora? Se avete domande, vi aspetto nei commenti!

Leave a Reply